venerdì 19 dicembre 2008

God Jul och ett Gott Nytt År




***Nel nostro giro alla scoperta del Natale in diverse parti del mondo, oggi, dopo aver varcato l'oceano, torniamo nella nostra europa, andiamo al nord europa e proseguiamo la nostra BlogNovena con una amico blogger italiano ma che vive ormai da tanti anni in Svezia, Federico. Come già successo con gli amici blogger che lo hanno preceduto, sarà lui che, nei commenti, risponderà a tutte le vostre domande e soddisferà tutte le curiosità che avrete in merito al post qui sotto.
Per chi gradisse, può leggere questo post anche in lingua originale, che segue quella in lingua italiana. Un abbraccio a tutti voi.***



Cammino nei vicoli di Gamla Stan, la città vecchia, e la mia immaginazione viaggia nel tempo: chissà com'era Stoccolma...cento, duecento, trecento anni fa...chissà se allora, come oggi, il profumo delle candele si mischiava all'aria fresca e pungente del Baltico...chissà se anche in passato, come adesso, gli intensi aromi del glögg, dei lussekatter, delle mandorle tostate rapivano le narici e turbavano i sensi...

Anche a Stoccolma il Natale comincia presto: già dal mese di novembre i negozi decorano le vetrine a festa, le strade si popolano di gente con buste e pacchi in mano, e i luminari contribuiscono a combattere quella perenne oscurità che contraddistingue le giornate nordiche del periodo.
Ma è solo nella prima settimana di dicembre che i festeggiamenti veri e propri hanno inizio: le finestre e i davanzali delle case si riempiono di candele, di stelle illuminate, di fiori di stagione; le piccole e grandi rivendite cominciano a distribuire i cibi e le bevande tradizionali; e i café, solitamente molto popolati anche durante il resto dell'anno, si riempiono ulteriormente per i fika, i caratteristici incontri tra amici o colleghi a base di caffè, te e dolci.

Il periodo dell'Avvento fa la gioia dei bambini: anche qui è diffuso il Calendario di ventiquattro caselle (ognuna di esse dotata di cioccolatino, dolcetto, o immagine). Il modello del julkalender è stato preso in prestito anche dalla tv pubblica svedese, SVT, che manda in onda quotidianamente, dal 1° al 24 dicembre, una puntata di una fiction prettamente natalizia: quest'anno è il turno di "Skägget i Brevlådan".

Il 13 dicembre è Santa Lucia, una ricorrenza molto popolare da queste parti: la tradizione vuole che ci si svegli prestissimo la mattina, si vada in chiesa per un piccolo rito (solitamente c'è un coro che canta le canzoni tradizionali, con una fanciulla nelle vesti di Lucia), e si esca quando il cielo ospita la prima, tenue luce del giorno (è Lucia che porta la luce, secondo il significato originale). E' per questa occasione che si preparano i buonissimi dolci allo zafferano, i lussekatter (i "gatti di Lucia")!
Certo, chi non vuole aspettare il 13 dicembre può dedicarsi ai dolci anche prima!

Altra ottima idea è darsi ai biscotti allo zenzero, i famosi pepparkakor, con i quali sorseggiare il glögg: un vino aromatizzato da bere caldo, condito solitamente da mandorle e uva secca.

La movimentata routine metropolitana di Stoccolma si ferma, però, solamente il 24: se in Italia il giorno "più importante" è - per ragioni risapute - il 25 dicembre, in Svezia il Natale si festeggia alla sua vigilia! E' quello il giorno in cui le famiglie si ritrovano, per il consueto e tradizionale pranzo, attorno al julbord, la "tavola natalizia": una tavola ricca, e molto particolare...soprattutto perché alcuni cibi si comprano e preparano soltanto per quella ricorrenza. E quindi troviamo le aringhe (sill) preparate in svariatissimi modi (ma rigorosamente crude), il prosciutto di Natale (julskinka), le salsicce (korv), le immancabili polpette (köttbullar), il pane natalizio (julbröd), le patate, il salmone, una sorta di patè di fegato (leverpastej) e tante altre cose. La birra di Natale (julöl) e una specie di cola (julmust) accompagnano le mangiate natalizie degli svedesi...si danno da fare anche loro, insomma!




Sono ancora numerose le case in cui, alle tre del pomeriggio, si guardano alla tv i cartoni animati di Kalle Anka (il nostro Paperino)! Solo più tardi si intonano i canti natalizi tradizionali...anche se quelli cantati dai cori professionisti sortiscono tutt'altro effetto! :-)
Un esempio? Eccolo! "Jul, Jul, Strålande Jul":





Il Natale svedese ha un fascino tutto suo, da provare in prima persona! Magari, il prossimo anno, potete farci un pensierino anche Voi...e se poi nevica, lo spettacolo sarà assicurato! Chissà...forse ci incontreremo in Gamla Stan, tra candele, glögg e lussekatter!
Per quest'anno non mi rimane altro che ringraziare di cuore AndreA per l'ospitalità nel Suo grandioso blog, e augurare a Voi tutti God Jul och Gott nytt år!




Jag går genom Gamla Stans gränder och min fantasi gör en resa i tiden: vem vet hur Stockholm var för hundra, tvåhundra, trehundra år sedan? Vem vet om lukten från stearinljusens blandade sig med den friska och bitande luften från Östersjön på samma sätt då som nu? Vem vet om de starka dofterna från glögg, lussekatter och rostade mandlar hade samma förtrollande effekt i svunna tider som idag?

Precis som i andra städer börjar julen tidigt i Stockholm: redan i november dekoreras skyltfönstrena, gatorna fylls av människor med kassar och paket i händerna och julbelysningen bidrar till kampen mot det eviga mörker som präglar de nordiska dagarna under den här tiden på året. Men först under den första decemberveckan börjar de riktiga festligheterna: fönster och fönsterbläck fylls med adventsljusstakar, adventsstjärnor, julstjärnor, hyacinter; i stora och små butiker börjar man sälja den traditionella maten och dryckerna. Och caféerna, som är välbesökta året om, blir ännu mer fulla med folk som tar en fika, det vill säga en kopp te eller en kopp kaffe och en kaka, i vänners eller kollegors sällskap.

Advent är en glädjens tid för alla barn: även här finns det kalendrar med tjugofyra lyckor (bakom var och en av dessa finns en bit choklad, en sötsak eller en bild). Men även i TV har konceptet kunnat användas. SVT, det svenska publicserviceföretaget, har en egen julkalender. Ett avsnitt sänds varje dag från den första december till den tjugofjärde. Oftast kretsar handlingen kring julen: i år lyder titeln: ”Skägget i Brevlådan”.

Den trettonde december infaller luciadagen, en älskad högtid i denna del av världen. Många firar genom att bege sig till en kyrka tidigt i ottan för att lyssna till en kör vars traditionsenligt klädda sångare sjunger klassiska sånger. När konserten är slut har natten vikit och publiken kommer ut i ett svagt morgonljus (enligt den ursprungliga betydelsen är det Lucia som kommer med ljuset). Till luciadagen bakas ett slags saffransbullar, så kallade lussekatter, men det är förstås möjligt att äta dem även tidigare, om man inte orkar vänta till den trettonde december. En annan god idé är att smaka pepparkakor, en slags småkakor med ingefära i. Därtill kan man ta ett glas glögg, ett kryddat vin som dricks varmt, ofta med mandlar och russin.

Stockholms storstadspuls stannar dock endast den tjugofjärde: i Italien är det den tjugofemte, juldagen, som är den viktigaste dagen, men i Sverige firas julen på julafton. Detta är dagen då familjen samlas för att äta den traditionella lunchen. På det välfyllda julbordet finns flera rätter som man bara äter på julen. Här finns sill i flera utföranden, julskinka, prinskorv, köttbullar, sötlimpa, potatis, lax, leverpastej och mycket mer. Julmaten sköljs ned med julöl och julmust.

I många hem slås TV:n på klockan tre, då SVT visar Kalle Anka. Först senare kan man höra julsånger här och där… För de bästa versionerna står dock de professionella körerna.

Julen i Sverige är något alldeles speciellt, något som var och en borde få uppleva personligen. Kanske kan det vara något för er nästa år. Om det snöar är magin garanterad. Vem vet, kanske ses vi i Gamla Stan, bland stearinljus, glögg och lussekatter. I år tackar jag AndreA för gästfriheten på hans fantastiska blogg och önskar er alla en God Jul och ett Gott Nytt År.


Domani, avremo un appuntamento particolare, un po' differente da quelli vissuti fino ad oggi, ma come sempre non vi dico altro .... (Domani) 20 dicembre ore 22:00 ...


13 commenti:

AndreA ha detto...

Federico, sono davvero felice di averti qui in questo blog, per questo progetto della BlogNovena ...sarà la sardità (?) :-)))

Grazie, ci vediamo presto!! :-)

Moky ha detto...

Grazie Federico... bellissima descrizione....be', mi sto facendo un bel viaggetto natalizio, gratis pure!! Tx Andrea!

Suysan ha detto...

Ma è vero che il 13 dicembre i bambini svedesi ricevono regali da Santa Lucia?

XPX ha detto...

Dolci allo zafferano? Mai assaporati. Chissà se son buoni ...
Buona serata ;-)

calendula / trattalia ha detto...

caspita mi sono persa un sacco di natali.... uffa..sai che sabato ho giocato con il giochino delle torte??? che spasso .... ho vinto è sono arrivata anche prima in classifica!!!!ahahaha

orchy ha detto...

wowww che bella questa idea del Natale...io quando posso raccontarti del Mio???
Un bacio ;-)

Nadir ha detto...

Che bello, mi è sembrato di essere lì (anche perchè due estati fà c'ero) e perciò già sapevo che Santa Lucia è festeggiata perchè portatrice di luce, però la descrizione è stata così perfetta, che sento quasi l'odore delle spezie. E poi sulla tavola svedese non mancherà sicuramente il burro, magari anche aromatizzato ...
Grazie Federico, Stoccolma ha preso un pezzettino del mio cuore.
Grazie Andrea, hai sempre belle idee.
Se non riesco a ripassare auguro buonissime feste a te e a tutti quelli che passano di quà.
Baci profumati ... di cannella

Mariluna ha detto...

Ciao Andrea é molto bella la tua iniziativa...io ritardataria!!!

Federico ha detto...

@ AndreA: il piacere è tutto mio, veramente! Ti ringrazio di cuore per questo invito! Un abbraccio!



@ Moky: ti ringrazio. E' bellissimo viaggiare tra i Natali del mondo! E grazie ad AndreA questo è possibile stando comodamente a casa! ;-)



@ Suysan: credo di no...almeno a livello generale. Forse in qualche piccola località potrà anche capitare! :-)



@ XPX: sono buonissimi! All'inizio anch'io ero un po' scettico perché solitamente, noi italiani, troviamo lo zafferano in cibi salati...ma ora...guai se mi faccio mancare i lussekatter! :-)


@ Nadir: ti ringrazio tanto per le tue parole! Sono contento di averti riportato, anche se solo virtualmente, da queste parti!

Ross ha detto...

Non ho ben capito, è una tradizione natalizia guardare i cartoni animati di Paperino?
Perchè se è così... io mi trasferisco subito in Svezia! :D

Grazie di questo bel post.

Federico ha detto...

@ Ross: ti ringrazio!
Sì, diciamo che è una tradizione: la televisione pubblica, ogni Natale, manda in onda i cartoni animati di Paperino per i bambini...ma anche gli adulti non mancano all'appuntamento!
Poi, ovviamente, non tutti accendono la tv!

PS: ti aspetto in Svezia! ;-)

freespiritman ha detto...

Un post molto bello ed interessante. E davvero complimenti a Federico.
A te Andrea, ed a tutti i tuoi lettori un felice e sereno Natale e
un abbraccio di cuore
Free

Federico ha detto...

@ Freespiritman: grazie mille! Tanti auguri anche a te e a tutti i lettori!